In Italia
“Vagliate ogni cosa, trattenete ciò che è buono”
21 ottobre 2017 * S. Orsola martire
referendum lombardiaOrmai a soli dieci giorni dai referendum consultivi in programma in Lombardia e in Veneto a sostegno della richiesta di  un’ulteriore autonomia per le due Regioni diventa sempre più impressionante il muro di silenzio con cui l’intero ordine costituito politico-mediatico del nostro Paese cerca per così dire di…raffreddare  quanto più possibile l’evento.
Diciamo in positivo che si tratta comunque di una buona occasione per capire  quale sia la sostanza del potere in Italia. In fin dei conti nel “Palazzo” l’iniziativa delle due Regioni non piace a nessuno. Non piace, come è ovvio e prevedibile, alle forze politiche di sinistra, giacobine e quindi centraliste per natura, e ai giornali romani  schierati a presidio degli interessi della burocrazia ministeriale e di chi vive del gigantesco indotto di enti vari che gli gira attorno. 

no internet privacyUn’amara sorpresa attende gli italiani nei prossimi giorni. Il Senato, infatti, entro questo fine settimana darà il via definitivo a una norma che all’apparenza richiama l’esigenza di rispettare le norme europee. Si tratta delle Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea – Legge europea 2017Il disegno di legge, che reca come primo firmatario il nome del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, è uno di quegli atti adottati in termini brevissimi, per via scadenze di legge che ne giustificano l’adozione senza un’approfondita discussione parlamentare che ne rallenterebbe l’iter.

conferenza famigliaTutto secondo copione: la III Conferenza Nazionale della famiglia si concluderà oggi nell’unico modo in cui doveva concludersi: nell’anonimato più completo di un governo che sembra aver vissuto l’evento come un compitino mediatico da svolgere per fare contenti le associazioni familiari che l’hanno promossa. Una passerella vuota e per certi versi fastidiosa ampiamente prevedibile. Ieri a Roma, in Campidoglio, è andato in scena il triste spettacolo di un Parlamento e di un Governo disinteressati alle politiche familiari. Non c’è da stupirsi, semmai da registrare acriticamente che a causa del vuoto pneumatico emerso ieri l’Italia dovrà ancora una volta aspettare anni per parlare finalmente di famiglia come motore di sviluppo per la società.
Gli interventi nell’ordine della presidente della Camera Laura Boldrini e del premier Paolo Gentiloni e un’intervista in ginocchio di Avvenire al Sottosegretario Maria Elena Boschi, che quest’oggi concluderà i lavori, hanno certificato che questo governo non farà un bel nulla per le famiglie numerose, per affrontare seriamente il problema della denatalità e per favorire una riforma fiscale che tenga conto degli effettivi carichi familiari degli italiani.

busNonostante la vergognosa decisione dell’ultima ora del sindaco di Napoli, e dell’amministrazione ostaggio delle organizzazioni più estremiste, il Bus della Libertà è sfilato a Napoli, ed ha sostato in piazza Trento e Trieste. La sosta sarebbe dovuta durare due ore, dalle 12 alle 14, ma su consiglio della Digos è stata abbreviata; infatti stavano arrivando gli squadristi dei centri sociali, che, a quanto risultava alle forze dell’ordine, avrebbero avuto intenzione di creare disordini.
Con grande senso di responsabilità, per non mettere in pericolo i numerosi cittadini napoletani che si erano recati all’appuntamento con il Bus della Libertà, gli organizzatori del tour hanno deciso di abbreviare la sosta.
Una piccola nota off topic: ma perché la sinistra invece di inseguire i fantasmi del fascismo di settant’anni fa non si occupa in maniera concreta di quei covi di squadrismo e di violenza che sono i centri sociali e le aggregazioni consimili

Italian English French German Hebrew Japanese Maltese Portuguese Russian Spanish

iscriviti alla newsletter

Iscriviti alla nostra newsletters inserendo nome ed e-mail. I tuoi dati sono utilizzati solo per ricevere settimanalmente la nostra newsletters. In qualunque momento puoi cancellarti dal nostro database automaticamente mettendo lo stesso nome e la stessa e-mail inserita al momento dell'iscrizione.

Abbiamo 212 visitatori e nessun utente online

Visite agli articoli
4347144